Cibo per il pensiero

Come le lezioni di lingua si stanno muovendo oltre il binario di genere

Le lingue che contengono solo i pronomi “lui” e “lei” presentano problemi per la comunicazione dell’identità di genere. Ecco come stanno aiutando alcuni insegnanti di lingue.

Tal Janner-Klausner insegna ebraico. Non c’è niente di insolito in questo, ma il linguaggio presenta una questione che Mx. Janner-Klausner, che è una persona non binaria e usa i pronomi they/them in inglese, si sente obbligato a discutere con i propri studenti.

L’ebraico, così come il francese, lo spagnolo, l’italiano, l’arabo e altre lingue, usa pronomi binari, il che significa che le identità di genere al di fuori di lui/lei e maschio/femmina non esistono in alcuna espressione verbale.

In ebraico, anche la parola “loro” è di genere. In francese, “ils” si riferisce a un gruppo di uomini o a un gruppo misto, e “elles” si riferisce a un gruppo di tutte le femmine. Tutti i nomi nelle lingue binarie, comprese le persone, sono classificati come maschili o femminili e qualsiasi aggettivo associato a queste parole deve riflettere quel genere.

Ciò presenta un problema per gli studenti di genere creativo e, naturalmente, per le persone che parlano quella lingua in generale. È possibile per gli studenti di una lingua binaria fare riferimento a se stessi e agli altri quando le loro identità non sono rappresentate?

Per aggirarlo, Mx. Janner-Klausner, che insegna a Gerusalemme, chiede ai suoi studenti di riferirsi a loro usando pronomi maschili e femminili in modo intercambiabile. “Oltre a volermi sentire a mio agio, lo faccio in modo che possano essere informati sui generi al di fuori del binario”, hanno detto.

Trovare una “scappatoia”

Poiché le società che parlano lingue binarie sono diventate più aperte alle identità creative, le persone madrelingua hanno creato meccanismi per rimuovere o evitare l’elemento di genere delle parole.

Ma questi adattamenti raramente fanno parte dei programmi ufficiali di coloro che stanno imparando una seconda lingua. Anche laddove la comprensione dell’identità di genere si sta evolvendo rapidamente tra le popolazioni madrelingua, l’apprendimento delle lingue è in ritardo. Questo rappresenta una sfida unica per insegnanti e studenti che abbracciano la grammatica tradizionale ma vogliono riflettere questi valori mutevoli.

Nonostante alcune affermazioni contrarie, è grammaticalmente corretto usare “they” e “them” in inglese per riferirsi alla terza persona singolare. Lo facciamo quando il genere della persona è sconosciuto. Per strada, ad esempio, potremmo dire di un autista: “Quella persona ha appena passato un segnale di stop. Non so cosa pensano di fare”.

“They” è stato usato in questo modo per centinaia di anni. Apparve per la prima volta nel 1370 in “William and the Werewolf” invece di usare “he” per riferirsi a “ogni uomo”. Shakespeare lo usava spesso più o meno allo stesso modo: “Non c’è un uomo che incontro ma mi saluta / Come se fossi il loro amico ben noto”, scrisse in “La commedia degli errori”.

Quando il maschio è l’impostazione predefinita

L’inglese non è unico nell’uso del “loro” al singolare, ma molte lingue romanze, insieme a hindi, arabo ed ebraico, usano il genere come base dei loro nomi.

Una norma che può essere frustrante per gli studenti e coloro che parlano lingue binarie è il predominio della forma maschile, che viene utilizzata come predefinita o standard. Ad esempio, il maschile “todos”, che significa “tutti”, viene utilizzato in spagnolo per rivolgersi a un gruppo di persone indipendentemente dal sesso in eventi come conferenze o discorsi ufficiali. E la presenza anche di un solo uomo in un gruppo altrimenti femminile tende a relegare il genere al maschile.

Liberazione nel mettere in discussione le regole

Louis Moffa, che è non binario e usa i pronomi “lui” e “loro”, è docente presso il Dipartimento di italiano alla Columbia University. L’italiano è una lingua binaria che non ha un equivalente all’uso singolare inglese di “they/them”.

“Non ho pensato molto alla mia identità di genere finché non ho iniziato a pensare ed esprimermi in italiano”, ha detto Mx Moffa. “Quando ho pensato a quanto la realtà sia molto più complessa di una semplice serie di binari, mi sono reso conto che la mia identità e la mia espressione personale non avrebbero mai potuto risiedere davvero all’interno di quei confini. In realtà è stato imparando l’italiano che la mia comprensione del genere è stata completamente liberata dalla natura del pensiero binario”.

Mx. Moffa crede che il primo passo per superare i binari di genere in italiano sia discutere apertamente di come appaiono nella lingua. “Essere in grado di insegnare la natura di genere della grammatica italiana mi ha dato l’opportunità di essere visto e compreso più pienamente dai miei studenti, perché il genere non può mai rimanere implicito o indiscusso nella nostra classe”, ha detto.

Oltre a infrangere i limiti dell’italiano sugli esseri umani, Mx. Moffa mette in luce la natura “assurda” dell’assegnazione di genere a oggetti inanimati. “Invece di chiamarlo maschile e femminile, puoi semplicemente scegliere altre polarità: chiaro e scuro, pieno e vuoto, rotondo e quadrato. Non importa nemmeno cosa sia”, ha detto.

E poi ci sono i neologismi sincratici o parole macedonia

Kris Knisely, assistente professore di francese all’Università dell’Arizona, diventa ancora più specifico. All’inizio del semestre, introduce gli studenti a una serie di sviluppi linguistici utilizzati da madrelingua francesi non binari. Ad esempio, le forme del plurale “they” – “ils” e “elles” – vengono combinate per creare una nuova parola: “iels”. Allo stesso modo, per riferirsi a “loro”, il maschile “eux” e il femminile “elles” diventano “elleux”.

Ha scoperto che l’insegnamento di queste nuove forme ha un profondo impatto sul comportamento degli studenti non binari e L.G.T.B.I.Q.+ in genere. Alcuni che erano stati sul punto di abbandonare il francese in seguito lo avevano scelto per la specializzazione.

“Ho avuto studenti che mi hanno detto che questa è la prima volta che sentono che c’è un modo per diventare un vero oratore francese”, ha detto. “Possono vedere che c’è spazio per loro in questa lingua”, ha detto il dott. Knisely.

È necessario che questo apprendimento si estenda agli studenti cisgender, quelli la cui identità di genere corrisponde al loro sesso assegnato alla nascita. “Se agli studenti cis viene permesso di continuare a credere che le persone cis siano sempre l’impostazione predefinita, o che solo le persone cis contino, ciò rende un grande disservizio a tutti gli studenti, perché non sono preparati per il mondo come è in realtà”, aggiunge.

Questo approccio non è molto diffuso nell’insegnamento delle lingue. Agnes M., che ha scelto di usare un’iniziale perché minorenne, è una studentessa di liceo gender-fluid che frequenta una scuola femminile a Londra. Sebbene usino un mix di pronomi per se stessi in inglese, nella loro classe di spagnolo devono aderire al genere femminile.

“A volte mi connetto con i pronomi femminili, ma non sempre, dal momento che il mio genere è abbastanza fluido e cambia nel tempo. Quindi, quando mi sento più incline ai pronomi maschili, è piuttosto sconvolgente dover usare la versione femminile e mi sembra un po’ sbagliato”, ha detto Agnes.

Secondo alcuni insegnanti, l’apprendimento delle lingue fornisce un terreno fertile per discutere il concetto di genere sia all’interno che all’esterno della lingua. Come Mx. Janner-Klausner riassume, non è solo il binario di genere che può essere riconfigurato attraverso lo studio.

“L’apprendimento delle lingue è la scomposizione di un binario: inizi con un binario di parole familiari e straniere, e poi lo scomponi”, hanno detto. “Ciò che era straniero diventa familiare man mano che impari la lingua.”

Molly Lipson è una scrittrice e sostenitrice della giustizia sociale che vive in Gran Bretagna. Sta lavorando al suo primo libro, sullo smantellamento dei sistemi socioeconomici dannosi e sull’immaginare un mondo differente.

Puoi trovarla su Twitter all’indirizzo @molly_lipson.

Articolo originale da The New York Times qui

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *