Documenti e letteratura

La salute mentale dei bambini transgender che sono supportati nella loro identità

Kristina R. Olson, PhD,corresponding author Lily Durwood, BA, Madeleine DeMeules, BA, and  Katie A. McLaughlin, PhD

Link ad articolo originale qui

OBBIETTIVO:

I bambini transgender che hanno compiuto una transizione sociale, cioè che si identificano come il genere “opposto” al loro sesso assegnato alla nascita e sono supportati a vivere apertamente in quel genere, sono sempre più visibili nella società, ma non sappiamo nulla della loro salute mentale. Precedenti studi con bambini con disturbo dell’identità di genere (GID, ora -2016 – chiamata disforia di genere – nel 2018 rinominata incongruenza di genere e esclusa dalle malattie mentali Ndt) hanno riscontrato tassi notevolmente elevati di ansia e depressione in questi bambini. Qui esaminiamo, per la prima volta, la salute mentale in un campione di bambini transgender in transizione sociale.

METODI:

Un campione nazionale basato sulla comunità di bambini transgender in età prepuberale (n = 73, di età compresa tra 3 e 12 anni), insieme a gruppi di controllo di bambini non transgender nella stessa fascia di età (n = 73 controlli comunitari di pari età e sesso; n = 49 fratelli di partecipanti transgender), sono stati reclutati come parte del progetto TransYouth. I genitori hanno superato test di ansia e depressione.

RISULTATI:

Il risultato dello studio è stato che i bambini transgender non hanno mostrato aumenti nel livello di depressione rispetto ai loro pari cisgender e hanno mostrato un livello di ansia di molto poco superiore rispetto alla media della popolazione.

CONCLUSIONI:

I bambini transgender in transizione sociale che sono supportati nella loro identità di genere hanno livelli di depressione normativi dal punto di vista dello sviluppo e solo un minimo aumento dell’ansia, suggerendo che la psicopatologia non è inevitabile all’interno di questo gruppo. Particolarmente sorprendente è il confronto con le segnalazioni di bambini con GID; I bambini transgender in transizione sociale hanno tassi notevolmente inferiori di psicopatologia interiorizzante rispetto a quelli precedentemente riportati tra i bambini con GID che vivono come sesso natale.

Cosa si sa su questo argomento:

È stato scoperto che le persone transgender hanno tassi molto elevati di ansia e depressione, ma poco si sa sulla salute mentale dei bambini transgender le cui identità sono affermate e supportate dalle loro famiglie.

Cosa aggiunge questo studio:

Sempre più famiglie stanno permettendo ai loro figli transgender di vivere e presentarsi agli altri nella loro identità di genere. Questo è il primo studio ad esaminare la salute mentale in questi bambini, scoprendo che hanno bassi livelli di ansia e depressione.

I media nazionali stanno presentando sempre più storie di un sottoinsieme di bambini transgender in età prepuberale (coloro che si identificano in modo persistente, insistente e coerente con una identità di genere che è “l’opposto” del loro sesso natale). Sorprendentemente per molti, un gran numero di questi bambini ha fatto la transizione sociale: crescono e si presentano agli altri nella loro vera identità di genere piuttosto che nel loro sesso assegnato alla nascita. La transizione sociale è un intervento non medico reversibile che comporta la modifica dei pronomi utilizzati per descrivere un bambino, il suo nome e (tipicamente) la lunghezza dei capelli e i vestiti cioè la sua espressione di genere. Queste storie hanno acceso un dibattito internazionale sul fatto che i genitori di giovani bambini transgender debbano sostenere il desiderio dei loro figli di vivere presentandosi nella loro identità di genere. Nonostante le discussioni numerose e accese sull’argomento e nonostante la crescente presenza di questi bambini nelle cliniche di genere, non sono stati fatti studi fino ad oggi sulla salute mentale dei bambini transgender che hanno effettuato una transizione sociale, costringendo i medici a fare raccomandazioni ai genitori senza alcuna indagine sistematica ed empirica sulla salute mentale tra i bambini socialmente in transizione.

La maggior parte degli studi sulla salute mentale tra le persone transgender hanno esaminato adolescenti e adulti. Questi studi riportano costantemente tassi drammaticamente elevati di ansia, depressione e tendenza al suicidio tra le persone transgender. Questi tassi elevati di psicopatologia sono probabilmente il risultato di anni di pregiudizi, discriminazione e stigma; conflitto tra l’apparenza e l’identità dichiarata; e il rifiuto generale da parte delle persone nel loro ambiente sociale, comprese le loro famiglie. Vi è ora una crescente evidenza che il supporto sociale è collegato a migliori risultati di salute mentale tra gli adolescenti e gli adulti transgender. Questi risultati suggeriscono la possibilità che le transizioni sociali in i bambini, una forma di affermazione e sostegno da parte dei genitori di un bambino in età prepuberale, potrebbero essere associati a buoni risultati di salute mentale nei bambini transgender.

Sebbene non ci siano studi di grandi dimensioni sui bambini transgender in età prepuberale , numerosi studi hanno esaminato i bambini a cui all’epoca era stato diagnosticato quello che era chiamato disturbo dell’identità di genere (GID), ora chiamato disforia di genere (ora chiamata incongruenza di genere e non più inclusa nelle malattie mentali Ndt e non più sottoposta a diagnosi ). Il gruppo di bambini con diagnosi di GID probabilmente comprendeva bambini che erano transgender così come altri (p. Es., Bambini che desideravano e agivano ma non credevano di essere un membro dell’altro sesso e di conseguenza erano angosciati). È importante sottolineare che la maggior parte degli studi sui bambini con GID / GD sono stati condotti in un momento in cui il sostegno dei genitori e l’affermazione dei comportamenti e delle identità non conformi di genere dei bambini erano rari. Al contrario, il lavoro corrente si concentra su quello che è probabilmente un gruppo di bambini molto più ristretto, un piccolo sottoinsieme del gruppo a cui in precedenza sarebbe stata diagnosticata la GID: coloro che si identificano nel genere opposto a quello assegnato alla nascita e hanno ompiuto una transizione sociale in modo da apparire agli altri come il genere che sentono, piuttosto che quello assunto dal loro sesso alla nascita.

In generale, studi su bambini con GID hanno riportato alti tassi di psicopatologia, in particolare disturbi interiorizzanti come ansia e depressione. Ad esempio, il 36% di un gruppo di bambini di età compresa tra 7 e 12 anni con GID ha raggiunto il range clinico per problemi di internalizzazione. Inoltre, 2 ampi studi su bambini di età compresa tra 6 e 11 anni con GID (inclusi> 100 bambini in Utrecht, Paesi Bassi, e 300 bambini a Toronto, Canada) hanno trovato punteggi di internalizzazione medi rispettivamente nel range clinico e preclinico, suggerendo che molti bambini in entrambi i campioni hanno mostrato alti livelli di psicopatologia internalizzante. Alcuni hanno sostenuto che questi alti tassi di interiorizzazione della psicopatologia tra i bambini con GID / GD come segno che GID / GD è di per sé una forma o una conseguenza di tale psicopatologia.

Al contrario, 2 studi più piccoli suggeriscono che i bambini le cui identità di genere sono affermate e supportate hanno una salute mentale relativamente buona. Uno studio ha riportato su 26 bambini di età compresa tra 3 e 12 anni con GID che sono stati reclutati attraverso una clinica che consigliava ai genitori di sostenere l’espressione di genere dei loro figli. Questi bambini hanno mostrato tassi ridotti di psicopatologia rispetto a quelli riportati in altri studi condotti in cliniche che non supportano tale espressione di genere. Tuttavia, questo studio ha ricevuto alcune critiche per i limiti metodologici e aveva un campione di piccole dimensioni. Inoltre, non è noto il grado in cui questi risultati si generalizzano ai bambini transgender e in particolare ai bambini transgender a cui è stata consentita una transizione sociale completa. Inoltre, un’analisi qualitativa delle interviste dei genitori di 5 bambini transgender che avevano effettuato una transizione sociale ha rilevato che i genitori hanno ricordato una riduzione dei problemi di salute mentale dopo una transizione sociale. Sebbene non siano state fornite misure quantitative formali, questi risultati suggeriscono ancora che i bambini transgender socialmente supportati potrebbero avere una salute mentale migliore rispetto ai bambini con GD o ai bambini transgender che non sono supportati nella loro identità.

L’attuale studio affronta una lacuna critica nella conoscenza esaminando le segnalazioni dei genitori di ansia e depressione tra una coorte relativamente ampia di bambini transgender, tutti supportati dalle loro famiglie e che hanno subito una transizione sociale (cioè, si presentano agli altri come il genere coerente con la loro identità, non nel loro sesso natale e utilizzano pronomi di genere associati coerenti con tale identità). Ci siamo concentrati sull’interiorizzazione della psicopatologia perché il lavoro precedente indica che è particolarmente probabile che i bambini transgender presentino sintomi internalizzanti, anziché esternalizzanti. Abbiamo confrontato questi tassi di ansia e depressione dei bambini transgender supportati con i loro fratelli non transgender e con bambini non transgender che si sviluppano tipicamente. Bambini cisgender quindi abbinati a bambini transgender per età e identità di genere.

Questo lavoro, inclusi reclutamento e metodi, è stato approvato dall’Institutional Review Board dell’Università di Washington.

Partecipanti

Per essere inclusi in questo studio, i bambini transgender dovevano identificarsi come sesso “opposto” al loro sesso natale nella vita di tutti i giorni (cioè, si identificavano come maschio o femmina, ma non nel genere che era in linea con il loro sesso alla nascita), in tutti i contesti (p. Es., A scuola, in pubblico), dovevano usare il pronome corrispondente al loro genere piuttosto che al loro sesso natale, avere dai 3 ai 12 anni e essere in età prepuberale (cioè, chiunque fosse eleggibile per i bloccanti ormonali è stato escluso dal presente studio). Abbiamo reclutato un campione di comunità nazionale tramite gruppi di supporto, conferenze, un sito Web pubblicizzato tramite storie dei media e passaparola. Il nostro campione includeva 73 bambini transgender (Mag = 7,7 anni; SD = 2,2 anni; 22 femmine natali, 51 maschi natali; 70% bianchi non ispanici) e includeva tutti i casi consecutivi gestiti dal nostro gruppo di ricerca che soddisfacevano questi criteri, a partire dal primo per chi avevamo queste misure.

Inoltre, abbiamo reclutato 2 gruppi di controllo. Il nostro primo gruppo di controllo era un insieme di 49 fratelli (Mag = 8,3 anni; DS = 2,5 anni; 19 femmine natali, 30 maschi natali; 76% bianchi non ispanici) dei bambini transgender segnalati in precedenza che avevano anche un’età compresa tra 3 e 12 anni . Quando possibile, veniva reclutato il fratello di età più vicina. Il secondo gruppo di controllo era costituito da 73 bambini con sviluppo tipico senza storia di comportamento incrociato di genere (Mag = 7,8 anni; SD = 2,2 mesi; 51 femmine natali, 22 maschi natali; 71% bianchi non ispanici) che sono stati abbinati a ciascuno di essi. Questi controlli indipendenti sono stati reclutati da un database universitario di famiglie nell’area di Seattle interessate a partecipare alla ricerca sullo sviluppo del bambino. È importante sottolineare che tutti i genitori sono stati informati che questo faceva parte di uno studio longitudinale sullo sviluppo dei bambini non conformi di genere, anche se i loro figli non erano non conformi. Il reclutamento e la raccolta dei dati fa parte del progetto TransYouth, un ampio studio longitudinale sullo sviluppo dei bambini transgender americani e canadesi, e nel lavoro corrente sono stati utilizzati controlli abbinati di quello studio più ampio.

Metodo

I sintomi di ansia e depressione sono stati segnalati utilizzando i moduli abbreviati del proxy per i genitori del National Institutes of Health Patient Reported Outcomes Measurement System per ansia e depressione. Quando possibile, 2 genitori hanno completato questi moduli e vengono riportate le medie (n = 90); in tutti gli altri casi, solo 1 genitore ha compilato i moduli (n = 115). (È importante sottolineare che i risultati non sono cambiati se sono state analizzate solo le risposte delle madri [il più delle volte l’unico genitore presente quando c’era un giornalista].) Queste scale sono regolamentate a livello nazionale e forniscono punteggi t tali che un punteggio di 50 rappresenta la media nazionale, con una SD di 10.

Demografia

I genitori hanno risposto a diverse domande demografiche, inclusi razza, sesso ed età del figlio e reddito familiare. Ad eccezione del sesso i 3 gruppi non differivano sulle variabili demografiche.

Risultati

I tassi di ansia e depressione dei bambini transgender sono stati confrontati per la prima volta con il punto medio della scala (50), un indicatore dei livelli medi di depressione e sintomi di ansia. In termini di depressione, i sintomi dei bambini transgender (M = 50,1) non differivano dalla media della popolazione. Al contrario, i bambini transgender avevano tassi più elevati di ansia rispetto alla media della popolazione (M = 54,2), t (72) = 4,05, P <0,001. I sintomi medi non erano nel range clinico, o addirittura preclinico, ma erano elevati.

(…)

Discussione

I bambini transgender in età prepuberale in transizione sociale hanno mostrato tassi tipici di depressione e tassi solo leggermente elevati di sintomi di ansia rispetto alle medie della popolazione. Questi bambini non differivano in nessuna misura da 2 gruppi di controlli: i loro fratelli e un gruppo di controlli di età e sesso. Criticamente, i bambini transgender sostenuti nella loro identità avevano sintomi di interiorizzazione che erano ben al di sotto anche del range preclinico. Questi risultati suggeriscono che il sostegno familiare in generale, o specificamente attraverso la decisione di consentire ai propri figli di fare la transizione sociale, può essere associato a migliori risultati di salute mentale tra i bambini transgender. In particolare, consentire ai bambini di presentarsi nella vita di tutti i giorni come la loro identità di genere piuttosto che il loro sesso natale è associato a livelli normativi di sviluppo di depressione e ansia.

Criticamente, i bambini transgender in transizione sociale hanno mostrato tassi sostanzialmente inferiori di sintomi di interiorizzazione rispetto ai bambini con GID riportati in studi precedenti. I nostri risultati sono in linea con almeno un altro studio sulla  salute mentale di bambini con GID supportati nelle loro identità di genere, uno studio che potrebbe aver incluso alcuni bambini transgender che avevano fatto la transizione sociale. Tuttavia, i confronti tra i precedenti rapporti di bambini con GID e il campione attuale dovrebbero essere effettuati con cautela, poiché i criteri di inclusione (identità transgender vs GID) e misure specifiche di psicopatologia internalizzante (PROMIS vs CBCL) differiscono tra gli studi.

Ci si potrebbe ragionevolmente chiedere se questo studio incoraggi tutti i bambini con disforia di genere verso la transizione sociale. Alcuni punti sono fondamentali da considerare. In primo luogo, tutti i bambini nel nostro studio (a differenza di molti bambini con la classificazione GD), avevano identità binarie, nel senso che si identificavano come maschi o femmine. Pertanto, non possiamo fare previsioni sulla salute mentale attesa dei bambini che si identificano come maschio e femmina, né come maschi né come femmine, o che si identificano come il genere associato al loro sesso natale, ma mostrano comunque comportamenti più spesso associati all ‘”altro” genere dopo una transizione sociale. Quindi, solo perché un bambino si comporta in modo coerente con un genere diverso dal sesso natale non significa che il bambino sia transgender né che sia consigliabile una transizione sociale. In secondo luogo, i bambini in questo studio erano unici in molti modi critici. Sono passati in un momento in cui tali transizioni sono piuttosto controverse e tuttavia lo hanno fatto comunque. Sicuramente non tutte le famiglie con bambini transgender prendono questa decisione, il che significa che ci sono probabili caratteristiche che sono uniche per queste famiglie. Inoltre, i bambini transgender in questo studio hanno tutti transitato socialmente molto prima di quasi tutti gli adulti transgender attualmente in vita negli Stati Uniti e in Canada. Perché avrebbero potuto farlo? Le possibilità che non possiamo escludere sono che questi bambini mostrassero segni precedenti della loro identità transgender, che fossero più insistenti su quelle identità, che rappresentassero l’estremità più estrema dello spettro delle identità transgender, o che i genitori oggi siano solo più istruiti sull’esistenza di bambini transgender. È troppo presto per dire in che modo questi bambini e queste famiglie sono unici. Infine, i bambini in questo studio non sono stati assegnati in modo casuale alle transizioni sociali, precludendo la capacità di fare affermazioni causali sull’impatto delle transizioni sociali sulla salute mentale. Questi dati suggeriscono, tuttavia, che le transizioni sociali sono associate a risultati di salute mentale positivi per i bambini transgender.

Non possiamo escludere diverse spiegazioni alternative per i nostri risultati. In primo luogo, piuttosto che un impatto diretto del sostegno dei genitori, questi risultati generalmente positivi sulla salute mentale potrebbero essere un risultato più indiretto del sostegno dei genitori: vale a dire, sentirsi supportati in generale (indipendentemente da una transizione sociale) può portare a una maggiore autostima,  che a sua volta può portare a una migliore salute mentale. In secondo luogo, come accennato in precedenza, potrebbe esserci una terza variabile unica che spiega la presenza osservata della tipica salute mentale tra i bambini transgender socialmente transgender. Ad esempio, forse alcuni attributi unici del sottogruppo di bambini transgender che sono in grado di convincere i loro genitori a consentire loro di passare (p. Es., Abilità verbali, fiducia in se stessi) è responsabile del fatto che questi bambini hanno una salute mentale particolarmente buona, ed è stato questo capacità cognitiva unica o aspetto della personalità che è correlato a una migliore salute mentale o porta a una migliore salute mentale quando un bambino sente di aver raggiunto il suo obiettivo. Studi futuri che esaminano i bambini prima e dopo le transizioni sociali potrebbero essere in grado di affrontare questa preoccupazione. Infine, i genitori di bambini transgender potrebbero avere rapporti distorti, che riflettono il desiderio che i loro figli appaiano più sani di quanto sono. Non abbiamo motivo di credere che questo fosse un problema, ma in futuro miriamo a includere altre persone (ad esempio, insegnanti) per affrontare questa preoccupazione che altri potrebbero sollevare.

Oltre a studiare altre spiegazioni per questi dati, il lavoro attuale richiede ulteriori ricerche non solo su bambini con altre identità transgender (p. Es., Bambini che si identificano come entrambi o né maschi né femmine – bigender o agender Ndt), ma anche per lavorare con bambini che hanno identità transgender chiaramente binaria, come i bambini nello studio corrente, ma che non sono sostenute o affermate dalle loro famiglie in queste identità. Trovare questi bambini e convincere in particolare i loro genitori a consentire loro di partecipare alla ricerca, sarà una sfida, ma alla fine necessaria per una chiara comprensione dell’impatto specifico delle transizioni per questi bambini.

Nonostante la loro salute mentale complessivamente relativamente buona, i bambini transgender socialmente transgender hanno sperimentato un po più di ansia rispetto alla media della popolazione, anche se ancora ben al di sotto del range preclinico. Cosa potrebbe spiegare questo risultato? Nonostante ricevano un considerevole sostegno dalle loro famiglie, questi bambini probabilmente sperimentano ancora tassi relativamente alti di vittimizzazione tra pari o piccole microaggressioni quotidiane, in particolare se i loro coetanei sanno di essere transgender, il che a sua volta può portare a un marcato aumento dei sintomi di ansia e dei disturbi d’ansia. Inoltre, tutti i bambini transgender che vivono “di nascosto” o “non espressi” (cioè, i cui coetanei non sono consapevoli del loro status di transgender), possono provare ansia che gli altri possano scoprire la loro identità transgender; precedenti lavori con gli adulti hanno suggerito che nascondere un’identità stigmatizzata può portare a disagio psicologico. Inoltre, i bambini transgender non hanno i corpi tipici dei bambini con la loro identità di genere, il che potrebbe essere una fonte di angoscia. Anche quando i bambini transgender possono usare il bagno, gli spogliatoi o essere in squadra con bambini che condividono il loro genere, la semplice esistenza di queste distinzioni evidenzia probabilmente i modi in cui i loro corpi non si allineano con le loro aspettative di identità di genere. In modo correlato, alcuni bambini nel nostro campione si stanno avvicinando alla pubertà e la maggior parte è consapevole che la pubertà causerà cambiamenti fisici in una direzione indesiderata (a meno che non vengano somministrati bloccanti della pubertà), il che potrebbe generare notevoli preoccupazioni e ansia.

È importante sottolineare che, sebbene questi bambini in età prepuberale che hanno compiuto la transizione sociale stiano andando abbastanza bene in termini di salute mentale, i genitori e i medici di tali bambini dovrebbero ancora stare in allerta rispetto a potenziali cambiamenti nello stato di salute mentale dei loro figli. In generale, la prevalenza della depressione è relativamente bassa nei bambini in età prepuberale e aumenta drasticamente durante l’adolescenza. È possibile che i bambini transgender mostrino maggiore ansia e depressione rispetto ai loro coetanei durante la transizione adolescenziale a causa delle fonti di angoscia menzionate in precedenza, il che li farà probabilmente peggiorare con il tempo (una possibilità che miriamo a testare con un follow-up prospettico di questo campione). Pertanto, mentre l’adolescenza è un periodo di maggiore percezione dello stress per molti adolescenti in generale, molti di questi problemi sono esacerbati per gli adolescenti transgender. Gli adolescenti transgender, che ritardino o meno la pubertà attraverso l’intervento medico, spesso sperimentano disforia corporea (poiché i loro corpi non corrispondono ai corpi dei loro coetanei dello stesso sesso), rendendo il sesso e le relazioni ancora più preoccupanti rispetto ai loro coetanei non transgender.

Conclusioni

In sintesi, forniamo nuove prove di bassi tassi di psicopatologia interiorizzante nei giovani bambini transgender che hanno fatto la transizione sociale e che sono supportati nella loro identità di genere. Questi dati suggeriscono almeno la possibilità che essere transgender non sia sinonimo, né il risultato diretto di psicopatologia nell’infanzia. Invece, questi risultati forniscono una chiara prova che i bambini transgender hanno livelli di ansia e depressione non diversi dai loro fratelli e coetanei non transgender. Poiché sempre più genitori decidono di permettere la transizione sociale ai propri figli, continuare a valutare la salute mentale in un gruppo sempre più diversificato di bambini in transizione sociale sarà della massima importanza.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *